Scuola di pace

Educare i giovani alla giustizia e alla pace


Pedagogia della Pace e cura del bene comune

Alla luce del Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace 2012 si sono svolti gli interessanti lavori della Scuola di Pace (Roma, 2-5 gennaio 2012). Ne proponiamo alcune risonanze e la relazione di apertura del Convegno.
Sintesi dei lavori. A  cura di Argia Passoni (da Il Cantico 1-2/2012)

"Educare i giovani alla giustizia e alla pace".  Commento di S.E. Mons. Toso, Segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace al Messaggio del Papa per la Giornata Mondiale della Pace. (da Il Cantico 1-2/2012)

 

"EDUCARE I GIOVANI ALLA GIUSTIZIA E ALLA PACE"

Roma, 2-5 gennaio 2012

Ecco il programma dell'importante appuntamento della Scuola di Pace "Educare i giovani alla giustizia e alla pace" - Pedagogia della pace e cura del bene comune - che si terrà a Roma presso Casa Frate Jacopa.

Leggi il programma
 

SCUOLA DI PACE

Roma, 2/5 gennaio 2012


Nell’ambito del Progetto “Educare alla custodia del creato”, con particolare riferimento alla parte II e III “Stili di vita e cura del Bene comune”, la Scuola di Pace di gennaio p.v., che si terrà a Roma presso Casa Frate Jacopa, offrirà, alla luce della povertà evangelica abbracciata da Francesco d’Assisi, un approfondimento del rapporto “Povertà, stili di vita e globalizzazione”, avvertendone tutta l’importanza in ordine a quell’ “Educare i giovani alla giustizia e alla pace” che costituisce il tema del Messaggio del Papa per la Giornata Mondiale della Pace 2012.

Al Messaggio del Santo Padre verrà data una peculiare attenzione per promuoverne una sensibilizzazione nelle Chiese locali e nei vari territori.

Verranno inoltre ripresi importanti fili conduttori delle riflessioni prospettate nel recente Capitolo delle Fonti ad Assisi “Poveri per vivere da fratelli”.

Saremo così aiutati a focalizzare cammini di conversione orientati a costruire nella condivisione e nella convivialità linee di condotta sociali alternative alla mercificazione ed allo sfruttamento oggi imperante per porci in quella prospettiva del “farsi poveri per farsi fratelli” che ci viene riconsegnato dal carisma francescano e che ci urge a rispondere alla sfida di una drammatica povertà subita da tanti uomini e popoli, a cui viene negata dignità e possibilità di vita.

Esperti ci guideranno nell’approfondimento interdisciplinare che sarà arricchito come sempre dai momenti di preghiera e di dialogo fraterno.

 

6ª Giornata per la salvaguardia del creato

IN UNA TERRA OSPITALE EDUCHIAMO ALL’ACCOGLIENZA

Il 1° settembre è indetta dalla Cei la 6^ Giornata per la salvaguardia del creato. Nel Messaggio “In una terra ospitale educhiamo all’accoglienza”  i Vescovi ci invitano ad accogliere e ad approfondire il profondo legame che intercorre tra la tutela dell’ambiente e la solidarietà umana.
“Accogliendo l’intero creato come dono gratuito di Dio ed agendo in esso nello stile della gratuità – afferma il Messaggio – l’uomo diviene egli stesso autentico spazio di ospitalità: finalmente idoneo e capace di accogliere ogni altro essere umano come un fratello, perché l’amore di Dio effuso dallo Spirito nel suo cuore lo rende capace di amore e di perdono, di rinuncia a se stesso, di accoglienza del prossimo, di giustizia e di pace”. “Diventando ospitale, l’uomo riconosce con i fatti a ogni persona il diritto di sentirsi di casa nel cuore stesso di Dio”.
Educarci ed educare ad una sensibilità rinnovata nei confronti del creato, educarci ad accogliere il creato come dono di Dio per la vita di ogni uomo, è un impegno prezioso per noi, per la terra e per la fraternità tra tutti gli uomini.
Facciamo della Giornata e del mese di settembre un’occasione per dare inizio con le nostre comunità parrocchiali ad un autentico cammino di conversione e di condivisione.

Leggi il Messaggio Cei per la 6^ Giornata della Salvaguardia del Creato

Focus di approfondimento
Sussidio Cei Giornata della Salvaguardia del Creato

 
Roma, 25-27 marzo 2011
Quale rappresentazione del mondo?

Dopo l’annuncio fatto a giugno, la Scuola di Pace comincia la ricerca sul tema “L’ambiente e l’universo francescano” per promuovere una rinnovata cultura dell’ambiente, volgendo l’attenzione ai modelli con cui ripensare l’ambiente a partire dalle fonti.

Programma "L'Ambiente e l'Universo francescano".

 


 

 

Educare alla custodia del creato

La Scuola di Pace 2010-2011 col Progetto “Educare alla custodia del creato” accoglie il duplice appello della Chiesa Italiana a prendere coscienza della responsabilità educativa e a renderci parte attiva nell’indispensabile e urgente cammino di conversione che il rapporto col creato richiede.

Leggi il Progetto

Leggi il Messaggio delle Chiese Europee del 5 sett 2010-10-08

Per ulteriori informazioni consultare IL CANTICO o rivolgersi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

L'universo francescano e l'ambiente" - Roma 25-26 giugno 2010

Si terrà a Roma, presso Casa Frate Jacopa, Via delle Mura Aurelie 8,  a partire da venerdì sera 25 giugno con la sezione “Cinema Ambiente” che apre questo primo episodio dedicato a “L’Universo francescano e l’ambiente”. Interverranno la Dott.ssa Loretta Guerrini (Università di Bologna), p. Josè Antonio Merino (Pontificia Università Antonianum), il Prof. Giuseppe Tumminello (Università di Parma). Alla Scuola di Pace farà seguito l’Incontro Fraterno del ciclo “Battesimo, Penitenza, Fraternità” che si concluderà domenica 27 giugno.

Leggi il Programma della Scuola di Pace

 

Cittadinanza e fraternità: Roma, 24 aprile 2010

La Scuola di Pace (Roma, Casa Frate Jacopa) proseguirà nell’approfondimento del tema “Cittadinanza e fraternità” indagando in particolar modo la necessità di rigenerazione spirituale della politica, tema ormai cruciale di questo nostro tempo,  attraverso l’apporto dei seguenti contributi:· prendersi cura della polis alla luce del Magistero della Chiesa (p. Lorenzo Di Giuseppe, docente di teologia morale)· fraternità quale vincolo per lo sviluppo e rigenerazione della politica (Prof. Giuseppe Tumminello, docente di sociologia Università di Parma).

Leggi tutto...

 

“Se vuoi coltivare la pace, custodisci il creato”

Con questa iniziativa desideriamo testimoniare il nostro impegno per sensibilizzarci e sensibilizzare i nostri paesi, le nostre città, le istituzioni, ad attivarsi per contribuire alla riconciliazione e alla pace, in questo nostro tempo che ha bisogno più che mai di trovare nuovi percorsi di pace. Ci sentiamo profondamente interpellati dal Messaggio del Santo Padre, convinti che la causa della pace esige sempre più il risanare le ferite inferte al piano di Dio sull’umanità imparando a vivere come unica famiglia umana. In questo senso il Documento-Appello  “Se vuoi coltivare la pace, custodisci il creato”   vuole essere la nostra dichiarazione di impegno a rispondere come francescani e il nostro umile ma convinto annuncio di una via per sperimentarci con tutti gli uomini di buona volontà a salvaguardare il creato, casa comune di tutta l’umanità.

Leggi tutto...