Scuola di pace

 

 

 

ADESIONE ALLA GIORNATA DI DIGIUNO E PREGHIERA

PER LA PACE IN SIRIA E NEL MONDO INTERO

7 settembre 2013

 

Con profonda partecipazione aderiamo all’Appello del Santo Padre per la pace in Siria, in Medio Oriente e nel mondo intero.

 

Ci sentiamo convocati come membri della famiglia umana

•          a renderci consapevoli dell’urgenza del momento presente

•          a  farci solidali nel digiuno e nella preghiera per chi è nell’atroce sofferenza della guerra

•          a  chiedere perdono per la nostra indifferenza, la nostra rassegnazione, i nostri silenzi

•          a invocare il dono della pace perché tutti i popoli possano concorrere a dire il proprio no alla guerra come soluzione dei conflitti e ad intraprendere nel dialogo e nel riconoscimento reciproco strategie inclusive di ogni condizione per una convivenza più fraterna ed umana.

 

Come seguaci di S. Francesco desideriamo unirci a questo pellegrinaggio di pace accogliendo l’invito accorato di Papa Francesco a disarmare i nostri cuori per imparare a edificare la pace sulle risorse dello spirito affinché sia sempre e nuovamente possibile sperare la pace.

 

Dalle nostre Chiese locali, dalle fraternità, dalle nostre famiglie accompagniamo particolarmente nella preghiera e nel digiuno la proposta con la quale il Santo Padre interpella la politica e i suoi massimi responsabili:

1. “Mai più la guerra! Non è mai l’uso della violenza che porta alla pace. Guerra chiama guerra, violenza chiama violenza!”

2. Ferma condanna dell’uso delle armi chimiche.

3. Appello alle parti in conflitto perché ascoltino la voce della propria coscienza, non si chiudano nei propri interessi e intraprendano con coraggio e con decisione la via dell’incontro e del negoziato, superando la cieca contrapposizione.

4. Appello alla Comunità Internazionale perché faccia ogni sforzo per promuovere, senza ulteriore indugio, iniziative chiare per la pace in Siria, basate sul dialogo e sul negoziato, per il bene dell’intera popolazione siriana.

5. Appello affinché non sia risparmiato alcuno sforzo per garantire assistenza umanitaria a chi è colpito da questo terribile conflitto, in particolare agli sfollati nel Paese e ai numerosi profughi nei Paesi vicini.

 

Ci aiuti Maria, Regina della Pace, a fare la nostra parte. “Il grido della pace si levi alto perché giunga al cuore di tutti e tutti depongano le armi e si lascino guidare dall’anelito di pace!”

La Fraternità Francescana e Cooperativa Soc. Frate Jacopa

 

 

Fraternità Francescana e Cooperativa Soc. Frate Jacopa -Via delle Mura Aurelie 8 – 00165 Roma

Tel 06631980 –  3282288455 - www.coopfratejacopa.it – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

"La famiglia educa alla custodia del creato"

Messaggio Cei per la 8^ Giornata della Custodia del Creato.

 

La Celebrazione indetta dalla Cei mira a sensibilizzare alla custodia del creato in quanto parte integrante della nostra fede e vocasione indispensabile di ogni uomo per vivere in pienezza la propria umanità e contribuire alla costruzione di una società più umana e fraterna.

Facciamo tesoro del Messaggio "La famiglia educa alla custodia del creato" e di tutte le indicazioni offerte dall'Ufficio Naz. Cei per i problemi sociali e il lavoro, non solo per il 1° settembre,  ma facendo di tutto il mese  un tempo speciale per ri-accogliere nella contemplazione e nel rendimento di grazie  il dono del creato e metterci in cammino per risponderne oggi assieme a tutti gli uomini e le donne di buona volontà.

Imparare ad abitare la terra secondo la sapienza del Padre sia percorso di conversione e di condivisione.

 

Leggi il Messaggio Cei "La famiglia educa alla custodia del creato"

Per approfondimenti rimandiamo alla relazione di Mons. Angelo Casile (Direttore Unpsl Cei) "Educare alla custodia del creato" su Il Cantico on line agosto 2013 (http://www.coopfratejacopa.it) e al materiale predisposto per la Giornata dall'Ufficio Unpsl (http://www.chiesacattolica.it).

 

Scuola di Pace 14-16 giugno "Etica del dono e custodia del creato".

STILI DI VITA PER UN NUOVO VIVERE INSIEME

"ETICA DEL DONO E CUSTODIA DEL CREATO"

Roma, Casa Frate Jacopa, 14-16 giugno 2013

 

Nel percorso di approfondimento sugli “Stili di vita per un nuovo vivere insieme”, la presente sessione della Scuola di Pace intende mettere a fuoco il nesso tra il mandato del “custodire” e lo sviluppo di un’etica capace di orientare alla logica del dono.

Senza rifarci al dato originario della creazione voluta per amore, come potremo uscire dall’atteggiamento distruttivo e di violenza instaurato dall’etica dominante, strumentale e utilitaristica? come potremo passare da una cultura dello scarto ad una cultura della fraternità e della condivisione?

Rispondere della gratuità e del dono interpella la nostra fede e chiama in causa la ricerca di modi e vie per attendere nell’oggi a quel “custodire” che è vocazione fondamentale dell’uomo. “E quando l’uomo – ci ricorda Papa Francesco – viene meno a questa responsabilità di custodire, quando non ci prendiamo cura del creato e dei fratelli, allora trova spazio la distruzione e il cuore inaridisce”.

Illuminati dalla spiritualità evangelica francescana e dalla Dottrina Sociale della Chiesa, ci poniamo in cammino per “riparare”, nella consapevolezza che la conversione dall’“io manipolatore” all’“io custode” riguarda anche noi quotidianamente. E spetta a ciascuno di noi inverare nel quotidiano l’etica del dono perché possa alimentare un nuovo ethos sociale.

 

Relatori: P. Martin Carbajo, Rettore Pontificia Università Antonianum

Mons. Angelo Casile, Direttore Ufficio Naz. Cei per i problemi sociali e il lavoro

 

Leggi il programma

 

Scuola di Pace a Bologna 2° Incontro "Stili di vita per un nuovo umanesimo".

SCUOLA DI PACE A BOLOGNA

"Camminare nella fede. Stili di vita per un nuovo vivere insieme"

 


Scuola di Pace a Bologna 2° Incontro 21 aprile 2013

"Stili di vita per un nuovo umanesimo alla luce della spiritualità francescana"

Rel. P. José Antonio Merino ofm (Pontificia Università Antonianum)

La Fraternità Francescana e Cooperativa Sociale Frate Jacopa assieme alla Parrocchia S:Maria Annunziata di Fossolo e alla Rivista Il Cantico ti aspettano domenica alle ore 15,30

 

Leggi il Programma

 

Scuola di Pace a Bologna. 1° incontro 10 marzo "Quali stili di vita per il farsi della pace?"

SCUOLA DI PACE A BOLOGNA

"Camminare nella fede. Stili di vita per un nuovo vivere insieme"

 


La Fraternità Francescana e Cooperativa Sociale Frate Jacopa assieme alla Parrocchia S. Maria Annunziata di Fossolo

aprono la prima sessione della Scuola di Pace 2013 con due interessanti appuntamenti:

10 marzo 2013 "Quali stili di vita per il farsi della pace?" Rel. P. Lorenzo Di Giuseppe (docente di teologia morale)

21 aprile 2013 "Stili di vita per un nuovo umanesimo alla luce della spiritualità francescana" Rel. P. José Antonio Merino (docente di filosofia).

 

Leggi il Programma

 

"Tutelare lavoro e diritti della persona" Iintervista a Riccardo Moro a conclusione della Scuola di Pace.

SCUOLA DI PACE

"Tutelare lavoro e diritti della persona"

Intervista di Radio Vaticana a Riccardo Moro a conclusione della Scuola di Pace.

Si conclude oggi a Roma, la "Scuola di Pace" promossa a Roma dalla Fraternità Francescana Frate Jacopa, incentrata sul Messaggio di Benedetto XVI per la Giornata Mondiale della Pace del 2013. All’evento, ha preso parte anche l’economista dell’Università Statale di Milano, Riccardo Moro, che al microfono di Alessandro Gisotti si sofferma sulla sintesi tra sviluppo sociale e la pace, sottolineata dal documento del Papaper la pace.
Ascolta in diversi formati l'intervista Formato RM altrimenti Formato MP3
 

Scuola di Pace. "Il vero riformismo non abbatte lo Stato sociale". Intervista di Radio Vaticana a Mons. Toso

SCUOLA DI PACE

Mons. Toso ai microfoni di Radio Vaticana

"Il vero riformismo non abbatte lo stato sociale"

 

Per Benedetto XVI, "la pace non è solo un altro nome dello sviluppo integrale, ma è anche un altro nome del bene comune della famiglia umana": è quanto affermato da mons. Mario Toso, intervenuto alla Scuola di Pace promossa a Roma dalla Fraternità Francescana Frate Jacopa, incentrata sul Messaggio di Benedetto XVI per la Giornata Mondiale della Pace del 2013. Il Papa, ha detto il segretario del dicastero “Giustizia e Pace”, auspica una “nuova evangelizzazione del sociale” per raggiungere la pace e invita “tutte la forze politiche, indipendentemente dal loro schieramento a formare un fronte trasversale che unifica credenti e non credenti” nell’impegno dello  “sviluppo integrale”, della pace e del bene comune. Il presule ha inoltre affermato che, alla luce del Messaggio per la pace, “il capitalismo neoliberista, pervaso da un’ideologia radicale, libertaria e consumistica” deve “essere abbandonato quanto prima”. E si deve  piuttosto lavorare ad un “nuovo capitalismo, etico e popolare”. Per una riflessione sui temi forti del Messaggio, Alessandro Gisotti ha intervistato proprio mons. Mario Toso

 

Leggi ed ascolta l'intervista direttamente dalle news del del vaticano

 

Leggi l'intervista a Mons. Mario Toso, Segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace

 

Scuola di pace "beati gli operatori"

SCUOLA DI PACE

BEATI GLI OPERATORI DI PACE

Roma, 3-5 gennaio 2013

 

La Sessione della Scuola di Pace di gennaio si terrà a Roma presso Casa Frate Jacopa con un programma particolarmente ricco.  Al centro il Messaggio del Santo Padre per la Giornata Mondiale della Pace , un messaggio importante che ci chiama ad essere operatori di pace avendo nel cuore il primato dello spirito e l'appello al bene comune. E ci chiama a fare della crisi un'occasione di discernimento e di conversione, perchè, crescendo come "noi" comunitario,  possa essere promosso uno sviluppo umano e integrale, ripensando nella logica del dono e della fraternità ad un nuovo ordine economico.

Relatori: S.E. Mons. Mario Toso, Segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, Prof. Riccardo Moro, docente di economia politica, P. Lorenzo Di Giuseppe Ofm, docente di teologia morale, Prof. Antonio Parisella, docente di storia contemporanea.

Leggi il programma

 

STILI DI VITA PER UN NUOVO
VIVERE INSIEME
Scuola di Pace 20-22 aprile 2012

Il Seminario “Stili di vita per un nuovo vivere insieme” si inserisce nell’ambito del Progetto “Educare alla custodia del creato” con il quale la Fraternità Francescana e la Cooperativa Sociale Frate Jacopa hanno accolto l’invito della Chiesa italiana a prendere coscienza dell’emergenza educativa e ambientale per una partecipazione attiva e responsabile di tutti a un radicale cammino di  conversione.

Leggi tutto...

 

Scuola di Pace "Stili di vita per un nuovo vivere insieme. Riparare la casa della convivenza umana" Roma 15-17 giugno 2012

La presente sessione della Scuola di Pace prosegue nell’approfondimento degli stili di vita volgendo l’attenzione al riparare la “casa” comune. Il creato come realtà destinata alla vita di tutti ci interpella attraverso le nostre scelte a rendere ragione nei fatti dell’originaria fraternità umana. E questo passa dall’assunzione di uno stile di vita più sobrio e solidale, vero e proprio cammino di prossimità in un ritorno all’essenziale che soccorra all’impoverimento di risorse e di futuro in atto, sempre più escludente.

Relatori: Prof. Martin Carbajo ofm, docente di teologia morale e Vicerettore della Pontificia Università Antonianum; Prof. Simone Morandini, docente di teologia della creazione presso la Facoltà Teologica del Triveneto, membro del gruppo "Custodia del Creato" dell'Uff. Naz. Cei per i problemi sociali e il lavoro

 

Leggi l'interessante programma

 

SCUOLA DI PACE IN SICILIA

Tre importanti appuntamenti ad Adrano (Ct), a Campobello di Licata e a Taormina per riflettere sui temi "Educare alla pace e alla giustizia" e "Nuovi stili di vita".

 

“NUOVI STILI DI VITA”

Scuola di Pace in Sicilia
Santina Lidestri

La Scuola di Pace, promossa dalla Fraternità Francescana e dalla Cooperativa Sociale Frate Jacopa, anche quest’anno ha fatto tappa in  Sicilia dal 28 al 30 aprile toccando le città di Taormina (Me), Campobello di Licata (Ag) e Vicari (Pa) con un tema di grande attualità e rilevanza educativa.

In ogni sessione i lavori sono stati aperti dal Presidente Regionale FFFJ Nino Lo Monaco che, dopo i saluti, ha presentato i relatori e le varie relazioni.

Leggi tutto...

 

Radio Vaticana: Intervista sulla Scuola di Pace

A Roma due giorni per educare alla custodia del Creato

2012-04-19 Radio Vaticana

La salvaguardia del Creato è oggi essenziale per la pacifica convivenza dell’umanità. Questo concetto, espresso da Benedetto XVI, anima l’incontro della Scuola di Pace che si svolge a Roma (20 e 22 aprile), presso la sede della Cooperativa Sociale Frate Jacopa sul tema “L’ambiente e l’universo francescano. Stili di vita per un nuovo vivere insieme”. Obiettivo: la redazione di un Manifesto sulla Custodia del Creato. Partecipano esperti delle Pontificie Università Lateranense, Antonianum e della Cattolica di Brescia. “Occorre ripensare il rapporto con il Creato: esso va visto non come oggetto di sfruttamento, ma come dimora di ogni uomo”. Lo spiega, al microfono di Paolo Ondarza, Argìa Passoni, tra le promotrici della Scuola di Pace:

 

Leggi tutto...

 

SCUOLA DI PACE

STILI DI VITA PER UN NUOVO VIVERE INSIEME

Roma, Casa Frate Jacopa, 20-22 aprile 2012

Nel percorso “L’ambiente e l’universo francescano” abbiamo sondato l’esigenza di un rinnovato rapporto col creato, visto non come oggetto di dominio, ma come dimora di ogni uomo; ci siamo messi in ascolto del messaggio dell’altissima povertà consegnataci da S. Francesco come speciale eredità. Ora, sempre guidati dalla Dottrina sociale della Chiesa e illuminati dalla spiritualità francescana, l’attenzione della Scuola di Pace si volge agli stili di vita per quel nuovo vivere insieme di cui il mondo oggi sente più che mai l’urgenza a causa dell’incalzante impoverimento di dimensioni dell’umano e di risorse di futuro.

Leggi tutto...

 

Educare i giovani alla giustizia e alla pace


Pedagogia della Pace e cura del bene comune

Alla luce del Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace 2012 si sono svolti gli interessanti lavori della Scuola di Pace (Roma, 2-5 gennaio 2012). Ne proponiamo alcune risonanze e la relazione di apertura del Convegno.
Sintesi dei lavori. A  cura di Argia Passoni (da Il Cantico 1-2/2012)

"Educare i giovani alla giustizia e alla pace".  Commento di S.E. Mons. Toso, Segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace al Messaggio del Papa per la Giornata Mondiale della Pace. (da Il Cantico 1-2/2012)

 

"EDUCARE I GIOVANI ALLA GIUSTIZIA E ALLA PACE"

Roma, 2-5 gennaio 2012

Ecco il programma dell'importante appuntamento della Scuola di Pace "Educare i giovani alla giustizia e alla pace" - Pedagogia della pace e cura del bene comune - che si terrà a Roma presso Casa Frate Jacopa.

Leggi il programma
 

SCUOLA DI PACE

Roma, 2/5 gennaio 2012


Nell’ambito del Progetto “Educare alla custodia del creato”, con particolare riferimento alla parte II e III “Stili di vita e cura del Bene comune”, la Scuola di Pace di gennaio p.v., che si terrà a Roma presso Casa Frate Jacopa, offrirà, alla luce della povertà evangelica abbracciata da Francesco d’Assisi, un approfondimento del rapporto “Povertà, stili di vita e globalizzazione”, avvertendone tutta l’importanza in ordine a quell’ “Educare i giovani alla giustizia e alla pace” che costituisce il tema del Messaggio del Papa per la Giornata Mondiale della Pace 2012.

Al Messaggio del Santo Padre verrà data una peculiare attenzione per promuoverne una sensibilizzazione nelle Chiese locali e nei vari territori.

Verranno inoltre ripresi importanti fili conduttori delle riflessioni prospettate nel recente Capitolo delle Fonti ad Assisi “Poveri per vivere da fratelli”.

Saremo così aiutati a focalizzare cammini di conversione orientati a costruire nella condivisione e nella convivialità linee di condotta sociali alternative alla mercificazione ed allo sfruttamento oggi imperante per porci in quella prospettiva del “farsi poveri per farsi fratelli” che ci viene riconsegnato dal carisma francescano e che ci urge a rispondere alla sfida di una drammatica povertà subita da tanti uomini e popoli, a cui viene negata dignità e possibilità di vita.

Esperti ci guideranno nell’approfondimento interdisciplinare che sarà arricchito come sempre dai momenti di preghiera e di dialogo fraterno.

 

6ª Giornata per la salvaguardia del creato

IN UNA TERRA OSPITALE EDUCHIAMO ALL’ACCOGLIENZA

Il 1° settembre è indetta dalla Cei la 6^ Giornata per la salvaguardia del creato. Nel Messaggio “In una terra ospitale educhiamo all’accoglienza”  i Vescovi ci invitano ad accogliere e ad approfondire il profondo legame che intercorre tra la tutela dell’ambiente e la solidarietà umana.
“Accogliendo l’intero creato come dono gratuito di Dio ed agendo in esso nello stile della gratuità – afferma il Messaggio – l’uomo diviene egli stesso autentico spazio di ospitalità: finalmente idoneo e capace di accogliere ogni altro essere umano come un fratello, perché l’amore di Dio effuso dallo Spirito nel suo cuore lo rende capace di amore e di perdono, di rinuncia a se stesso, di accoglienza del prossimo, di giustizia e di pace”. “Diventando ospitale, l’uomo riconosce con i fatti a ogni persona il diritto di sentirsi di casa nel cuore stesso di Dio”.
Educarci ed educare ad una sensibilità rinnovata nei confronti del creato, educarci ad accogliere il creato come dono di Dio per la vita di ogni uomo, è un impegno prezioso per noi, per la terra e per la fraternità tra tutti gli uomini.
Facciamo della Giornata e del mese di settembre un’occasione per dare inizio con le nostre comunità parrocchiali ad un autentico cammino di conversione e di condivisione.

Leggi il Messaggio Cei per la 6^ Giornata della Salvaguardia del Creato

Focus di approfondimento
Sussidio Cei Giornata della Salvaguardia del Creato

 

Roma 10-12 giugno 2011

 
Roma, 25-27 marzo 2011
Quale rappresentazione del mondo?

Dopo l’annuncio fatto a giugno, la Scuola di Pace comincia la ricerca sul tema “L’ambiente e l’universo francescano” per promuovere una rinnovata cultura dell’ambiente, volgendo l’attenzione ai modelli con cui ripensare l’ambiente a partire dalle fonti.

Programma "L'Ambiente e l'Universo francescano".

 


 

 
Altri articoli...