Scuola di pace

Giornata internazionale di preghiera contro la tratta

Adesione della Fraternità Francescna e Cooperativa Sociale Frate Jacopa

Una Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di esseri umani sarà celebrata per la prima volta l’8 febbraio, festa di S. Giuseppina Bakhita, schiava sudanese, liberata e divenuta religiosa canossiana, canonizzata nel Duemila. A promuoverla è il Pontificio Consiglio per la Pastorale dei migranti, il Pontificio Consiglio della giustizia e della pace e le Unioni internazionali femminili e maschili dei Superiori/e Generali (UISG e USG). “Accendi una luce contro la tratta” è il tema guida della Giornata.

L’obiettivo dell’inziativa “è innanzitutto quello di creare, attraverso questa giornata, maggiore consapevolezza del fenomeno e riflettere sulla situazione globale di violenza e ingiustizia che colpisce tante persone, che non hanno voce, non contano, non sono nessuno: sono semplicemente schiavi”. La Chiesa cattolica, e in particolare le congregazioni religiose femminili, operano in molte parti del mondo da molti anni, per prevenire il traffico di esseri umani, denunciare trafficanti e sfruttatori, aiutare e proteggere le vittime ...continua

La preghiera

 

 

 

Dalla Scuola di Pace l’intervista di Radio Vaticana

Dalla Scuola di Pace l’intervista di Radio Vaticana

Mons. Toso: su pace e diritti, leader mondiali ascoltino Francesco

Servizio di Alessandro Gisotti

 

Si svolge dal 3 al 5 gennaio alla Casa Frate Jacopa di Roma la tradizionale “Scuola di pace” di inizio anno. L’evento è stato aperto dalla relazione dall’arcivescovo Mario Toso, segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace che si è soffermato sul messaggio di Francesco per la Giornata mondiale della pace di quest’anno incentrata sul tema “Non più schiavi, ma fratelli”.

Continua a leggere ....


 

SCUOLA DI PACE
NON PIÙ SCHIAVI, MA FRATELLI

Roma, 3-5 gennaio 2015

“Alla radice della schiavitù si trova una concezione della persona umana che ammette la possibilità di trattarla come un oggetto... La persona umana, creata ad immagine e somiglianza di Dio, con la forza, l’inganno o la costrizione fisica o psicologica viene privata della libertà, mercificata, ridotta a proprietà di qualcuno; viene trattata come un mezzo e non come un fine...
Siamo di fronte ad un fenomeno mondiale... Per questo motivo lancio un pressante appello a tutti gli uomini e le donne di buona volontà, e a tutti coloro che, da vicino o da lontano, anche ai più alti livelli delle istituzioni, sono testimoni della piaga della schiavitù contemporanea, di non rendersi complici di questo male, di non voltare lo sguardo di fronte alle sofferenze dei loro fratelli e sorelle in umanità, privati della libertà e della dignità, ma di avere il coraggio di toccare la carne sofferente di Cristo, che si rende visibile attraverso i volti innumerevoli di coloro che Egli stesso chiama «questi miei fratelli più piccoli» (Mt 25,40.45).
Sappiamo che Dio chiederà a ciascuno di noi: “Che cosa hai fatto del tuo fratello?” (cfr Gen 4,9-10). La globalizzazione dell’indifferenza, che oggi pesa sulle vite di tante sorelle e di tanti fratelli, chiede a tutti noi di farci artefici di una globalizzazione della solidarietà e della fraternità, che possa ridare loro la speranza e far loro riprendere con coraggio il cammino...”.
Dal Messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale della Pace 2015

La Scuola di Pace si terrà a Casa Frate Jacopa per approfondire il Messaggio della Giornata Mondiale per la Pace, che ci interpella a mobilitarci per riparare all'aberrante crimine di "lesa umanità", a cui corrisponde ogni forma di schiavitù e di dignità violata.  Interverranno: Mons. Mario Toso, P. Giulio Albanese, P.Giovanni La Manna, Cesare Bastelli, Liliana Dzalto e Chiara Longo.

 

Leggi Il programma della Scuola di Pace

Il Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace 2015 "Non più schiavi, ma fratelli"

 

Scuola di Pace a Bologna. Parliamo di spreco ...

 

SCUOLA DI PACE "FRATE JACOPA"  A BOLOGNA!

Venerdì 28 novembre 2014 - ore 21

Lo scandalo della fame ci interpella a parlare di spreco ...

per imparare a vivere a spreco zero!

 

"NUTRIRE IL PIANETA.

DALLO SPRECO ALIMENTARE ALLA DIETA SOSTENIBILE"

Incontro col Prof. LUCA FALASCONI

Docente di Agraria e Sviluppo Rurale, Università di Bologna - Copresidente Last Minute Market

 

LUOGO: S.Maria Annunziata di Fossolo - Via Fossolo 29 - 40138 Bologna

 

 

"NUTRIRE IL PIANETA. DALLO SPRECO ALIMENTARE ALLA DIETA SOSTENIBILE"

 

Segnali di Pace a Bologna "Custodire futuro: etica nel cambiamento"

"CUSTODIRE FUTURO: ETICA NEL CAMBIAMENTO"

Incontro col Prof. Simone Morandini

autore del libro omonimo

"Custodire è un verbo da articolare al futuro (nel segno del progetto e del sogno) e al plurale (nel segno della relazionalità e dell’attenzione per la complessità) [...]: tante sono le realtà da custodire, tutelandole contro un vento fatto di mercificazione disgregante, contro una cultura che non sa accogliere l’alterità..."
Una cultura del “custodire” come antidoto per combattere la miopia che non ci fa pensare alle generazioni future e l’arroganza dell’individualismo che non ci fa superare le grandi diseguaglianze sociali del presente.
Una riflessione necessaria  in questa fase di profondo cambiamento politico e sociale, alla ricerca di una etica della sostenibilità e del bene comune per aprire nuove vie di speranza e di pace.

LUOGO: S. Maria Annunziata di Fossolo - Bologna

Leggi il depliant:

"CUSTODIRE FUTURO: ETICA NEL CAMBIAMENTO"
 

 

GIORNATA PER LA CUSTODIA DEL CREATO 2014


«Educare alla custodia del creato, per la salute dei nostri Paesi e delle nostre città»
: è il tema della 9.a Giornata per la custodia del Creato promossa dalla Conferenza Episcopale italiana,  che si celebra dal 1° settembre  in tutta Italia, in comunione con le Chiese cristiane.  Nel messaggio diffuso dalla Cei si dà voce al grido di dolore di quanti hanno avuto l’esistenza spezzata a causa dei disastri ecologici, dei mutamenti climatici, della terra desertificata, dei tumori causati dall’inquinamento. Appassionato è l’invito a farsi servi della Parola che illumina e dà vita, e a metterla in pratica curando con amore le ferite dell’umanità e dell’ambiente. 
“Oggi - si legge nel testo - la coscienza ecologica è in consolante crescita, ovunque, anche con dolorose contrapposizioni tra ambiente e lavoro, specie nelle città industriali. Certo, proprio questa accresciuta consapevolezza del dono ricevuto da Dio ci spinge a garantire un ambiente sostenibile, per noi e per i nostri figli, nella gioia di godere della bellezza del giardino. Con una parola chiave: custodire". 
Facciamo tesoro del Messaggio, e di tutte le indicazioni offerte dall' Ufficio Naz. Cei per i problemi sociali e il lavoro, non solo per la Giornata odierna, ma facendo di tutto il mese di settembre un tempo speciale per ri-accogliere il dono del creato e metterci in cammino per "riparare" assieme a tutti gli uomini e le donne di buona volontà. Imparare ad abitare la terra secondo la sapienza del Padre sia percorso di conversione e di condivisione!


 

Con il Papa in preghiera per la pace


In questa vigilia di Pentecoste,  prossimi allo storico incontro di preghiera per la pace in Vaticano voluto dal Santo Padre con i Presidenti di Israele e della Palestina, ci sentiamo impegnati personalmente e come fraternità ad accogliere di cuore l'invito di Papa Francesco, in comunione con la Chiesa Italiana, a pregare per la Pace in Medio Oriente e per il buon esito dell'incontro.

Doni a tutti il Signore stabilmente la Sua Pace!

Fraternità Francescana e Cooperativa Sociale Frate Jacopa

 

SCUOLA DI PACE A BOLOGNA

"ECONOMIA FRANCESCANA. UNA PROPOSTA PER USCIRE DALLA CRISI"

Venerdì 30 maggio 2014

La serata dedicata alla presentazione del libro “Economia Francescana. Una proposta per uscire dalla crisi”, EDB 2014, da parte dell’ autore p. Martin Carbajo Nunez, Rettore della Pontificia Università Antonianum, si colloca in un ciclo di conferenze programmate dalla Parrocchia S. Maria Annunziata di Fossolo assieme alla  Fraternità Francescana e Cooperativa Sociale  Frate Jacopa, per introdurre ai temi del complesso e urgente problema  della cura del bene comune in una comunità sociale che fatica a riprendere  rapporti caratterizzati dalla reciprocità degli intenti e dalla fiducia in una collaborazione operosa di uomini e donne dediti ad edificare la fraternità.

Il mondo globalizzato sta soffrendo una grave crisi economico-finanziaria che ha condotto sull'orlo della bancarotta diversi paesi occidentali. Molti concordano nell’affermare che essa si configura come una vera e propria crisi strutturale che sembra aver messo in discussione il sistema economico e i suoi fondamenti antropologici. Il libro mostra l'attualità dell'importante contributo che i francescani offrirono alla riflessione e alla pratica economica durante i secoli XIII-XV, svolgendo un ruolo decisivo nella nascita della moderna economia di mercato. Risulta davvero paradossale, ricorda il prof. Carbajo, che un contributo così fondamentale all'umanizzazione della nuova economia sia stato dato proprio da coloro che avevano scelto di abbracciare la povertà più radicale. I frati arrivarono perfino a fondare istituzioni finanziarie: i Monti di Pietà. Quelle risposte di ieri possono orientare la ricerca di soluzioni ai problemi del nostro tempo.

 

SCUOLA DI PACE A VERBANIA

"CUSTODIA DELL'UOMO, CUSTODIA DEL CREATO"

Intra, sabato 24 maggio 2014


«...come osservava Giovanni Paolo II, l’ecologia
fisica è inseparabile dall’ecologia umana:
‘Se manca il senso del valore della persona e
della vita umana, ci si disinteressa degli altri e
della terra’».
Allo stesso modo papa Francesco sostiene
l’ampiezza del custodire il prossimo e il creato,
fondata sul custodire se stessi.
«È necessario trovare i modi perché tutti possano
beneficiare dei frutti della terra, non soltanto
per evitare che si allarghi il divario fra
chi più ha e chi deve accontentarsi delle briciole,
ma anche e soprattutto per una esigenza
di giustizia e di equità rispetto ad ogni essere
umano».
(Discorso di Papa Francesco
alla FAO, 2013)

COOPERATIVA SOCIALE
FRATERNITÀ FRANCESCANA
FRATE JACOPA
“CUSTODIA DELL’UOMO
CUSTODIA DEL CREATO”
Sabato 24 Maggio 2014

PROGRAMMA
14,30 Accoglienza
15,00 “Condivisione dei beni della terra
per tutta la famiglia umana”
Rel. Dott. Rosario Lembo, Presidente
Comitato Italiano Contratto Mondiale
sull’Acqua
16,30 Pausa
17,00 “Basi francescane per costruire
insieme il bene comune”
Rel. Prof. Antonio Petagine, Docente
di Filosofia presso l’Università Cattolica
18,30 Conclusioni
Sede dell’incontro
CENTRO PASTORALE S. FRANCESCO
SALA S. CHIARA
VIA ALLE FABBRICHE 8 - INTRA

Leggi l'invito

 

SCUOLA DI PACE. Fraternità, fondamento e via per la pace. Relazione di Mons. Toso, Segr. Pontificio Consiglio Giustizia e Pace

SCUOLA DI PACE

"Fraternità, fondamento e via per la pace"

Relazione di S.E. Mons. Mario Toso, Segretario Pontificio Consiglio per la Giustizia e la Pace

 

Nella straordinaria riflessione di Mons. Toso sul Messaggio di Papa Francesco per la 47^ Giornata Mondiale della Pace emergono le feconde prospettive della fraternità, fondamento antropologico della pace e principio architettonico del sociale, nel contesto dell'attuale processo di globalizzazione. In un orizzonte di speranza, siamo chiamati a responsabilità, in un esercizio di cittadinanza a misura dell'unica famiglia umana, per una società più giusta, inclusiva e pacifica

 

Leggi il testo della riflessione di Mons. Toso (Da "Il Cantico").

 

SCUOLA DI PACE

Mons. Toso: serve “democrazia samaritana” che non escluda nessuno e sostenga i deboli.

INTERVISTA DI RADIO VATICANA

Dall’intervista di Radio Vaticana emerge una interessante sintesi dell’alta riflessione proposta alla Scuola di Pace di Frate Jacopa (Roma, 3-5 gennaio 2014) sul tema “Fraternità, fondamento e via per la pace”. L’evento si collega al Messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale della Pace, incentrato proprio sul tema della fraternità. All’incontro è intervenuto sabato 4 gennaio mons. Mario Toso, segretario del Pontificio Consiglio per la Giustizia e la Pace. Nell’intervista di Alessandro Gisotti, mons. Toso si sofferma sui punti che più l’hanno colpito del Messaggio del Papa.  Un’intervista da leggere e meditare.

(Audio: http://media01.radiovaticana.va/audio/ra/00407340.RM)

Leggi il testo dell’Intervista a Mons. Mario Toso

 

SCUOLA DI PACE

"FRATERNITA', FONDAMENTO E VIA PER LA PACE"

Roma, Casa Frate Jacopa, 3-5 gennaio 2014

 

La Scuola di Pace di gennaio si iscrive nella interpellanza, proposta dal Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace, a riconoscere la vocazione profonda della fraternità seminata nel cuore dell’uomo e della umanità, una interpellanza che ci chiama a conversione ed a mobilitarci con perseveranza e umiltà perché la fraternità, cifra della condizione umana, possa diventare nei fatti via di realizzazione della pace.

A partire dalla presentazione del Messaggio a cura di S.E: Mons. Mario Toso (Segretario del Pontificio Consiglio di Giustizia e Pace), la sessione prevede importanti ccontributi del Dott. Rosario Lembo (Presidente Comitato Italiano Contratto Mondiale sull'Acqua) sul rapporto tra diritti umani e pace, la testimonianza di p. Domemico Domenici sulla fraternità rigeneratrice della persona e le conclusioni a cura di P. Lorenzo Di Giuuseppe sul tema degli stili di vita.

 

Leggi il ricco programma

 

SCUOLA DI PACE IN SICILIA

 


Nei giorni 4 e 5 ottobre alcuni Istituti Superiori ospitano la Scuola di Pace, rispettivamente a Trappitello-Taormina e ad Adrano, dove la Scuola di Pace è stata inserita nelle giornate dell'EcoEvento "sostenibilità ambientale ... nuovi stili di vita".
L'incontro con gli studenti avverrà sul tema:
"Iconosfera del Creato e Custodia dell’Ambiente nella meravigliosa prospettiva indicata da Francesco D’Assisi"
Guida la visione di “HOME” di Y. Arthus Bertrand ed altri segmenti di Film la Dott.ssa Loretta Guerrini Docente di analisi del film, Dip. Arti Visive, Università di Bologna.

 

Leggi il Programma EcoEvento di Adrano

Domenica 6 ottobre la Giornata sarà dedicata a Taormina al tema "Custodia del creato come stile di vita: gratuità, reciprocità, riparazione". A conclusione come da programma allegato, la presentazione della Enciclica Lumen Fidei, a cura di P. Lorenzo Di Giuseppe ofm.

 

Leggi il Programma della Giornata di Taormina

 

SEGNALI DI PACE 2013 "SPERANZA E PACE"

GLI INCONTRI PROMOSSI DA FRATE JACOPA A BOLOGNA

 

Nell'ambito della Rassegna "Segnali di Pace 2013, coordinata dal Tavolo Provinciale per la Pace, la Fraternità Francescana e Cooperativa Sociale Frate Jacopa, in collaborazione con la Parrocchia S.Maria Annunziata di Fossolo e la Rivista "Il Cantico", invitano a due importanti momenti seminariali sul tema "Speranza e Pace. Sviluppo umano, ambiente ed economia civile".

In un mondo che ha bisogno di affrancarsi dallo sfruttamento di potentati economici e blocchi ideologici, invertendo la rotta di dissipazione delle risorse ambientali ed umane, il modello di sviluppo e un nuovo stile di vita devono essere frutto di una intensa ricerca in cui interdipendenza e reciprocità siano poste al centro per aprire e rendere accessibile a tutti nuove vie di speranza e di pace.

Ne parleremo con l'aiuto di eminenti studiosi.

Martedì 1 ottobre 2013 - 0re 20,30

"Speranza di pace, la via dell'economia civile"

Relazione del Prof. Stefano Zamagni, ordinario di Economia Politica all'Università di Bologna

Venerdì 11 ottobre 2013 - Ore 20,30

"Sviluppo umano e ambiente. Educare alla custodia del creato, speranza di pace"

Relazione del Prof. Pierluigi Malavasi, docente di Pedagogia e Direttore ASA, Università Cattolica di Brescia.

Luogo degli incontri: Sala S.Maria Annunziata di Fossolo, Via Fossolo 29, Bologna

Vi aspettiamo!

E vi preghiamo di invitare amici e conoscenti.

Fraternità Francescana e Cooperativa Sociale Frate Jacopa

Scarica il volantino "Speranza e pace. Sviluppo umano, ambiente ed economia civile"

 

 

 

 

ADESIONE ALLA GIORNATA DI DIGIUNO E PREGHIERA

PER LA PACE IN SIRIA E NEL MONDO INTERO

7 settembre 2013

 

Con profonda partecipazione aderiamo all’Appello del Santo Padre per la pace in Siria, in Medio Oriente e nel mondo intero.

 

Ci sentiamo convocati come membri della famiglia umana

•          a renderci consapevoli dell’urgenza del momento presente

•          a  farci solidali nel digiuno e nella preghiera per chi è nell’atroce sofferenza della guerra

•          a  chiedere perdono per la nostra indifferenza, la nostra rassegnazione, i nostri silenzi

•          a invocare il dono della pace perché tutti i popoli possano concorrere a dire il proprio no alla guerra come soluzione dei conflitti e ad intraprendere nel dialogo e nel riconoscimento reciproco strategie inclusive di ogni condizione per una convivenza più fraterna ed umana.

 

Come seguaci di S. Francesco desideriamo unirci a questo pellegrinaggio di pace accogliendo l’invito accorato di Papa Francesco a disarmare i nostri cuori per imparare a edificare la pace sulle risorse dello spirito affinché sia sempre e nuovamente possibile sperare la pace.

 

Dalle nostre Chiese locali, dalle fraternità, dalle nostre famiglie accompagniamo particolarmente nella preghiera e nel digiuno la proposta con la quale il Santo Padre interpella la politica e i suoi massimi responsabili:

1. “Mai più la guerra! Non è mai l’uso della violenza che porta alla pace. Guerra chiama guerra, violenza chiama violenza!”

2. Ferma condanna dell’uso delle armi chimiche.

3. Appello alle parti in conflitto perché ascoltino la voce della propria coscienza, non si chiudano nei propri interessi e intraprendano con coraggio e con decisione la via dell’incontro e del negoziato, superando la cieca contrapposizione.

4. Appello alla Comunità Internazionale perché faccia ogni sforzo per promuovere, senza ulteriore indugio, iniziative chiare per la pace in Siria, basate sul dialogo e sul negoziato, per il bene dell’intera popolazione siriana.

5. Appello affinché non sia risparmiato alcuno sforzo per garantire assistenza umanitaria a chi è colpito da questo terribile conflitto, in particolare agli sfollati nel Paese e ai numerosi profughi nei Paesi vicini.

 

Ci aiuti Maria, Regina della Pace, a fare la nostra parte. “Il grido della pace si levi alto perché giunga al cuore di tutti e tutti depongano le armi e si lascino guidare dall’anelito di pace!”

La Fraternità Francescana e Cooperativa Soc. Frate Jacopa

 

 

Fraternità Francescana e Cooperativa Soc. Frate Jacopa -Via delle Mura Aurelie 8 – 00165 Roma

Tel 06631980 –  3282288455 - www.coopfratejacopa.it – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

"La famiglia educa alla custodia del creato"

Messaggio Cei per la 8^ Giornata della Custodia del Creato.

 

La Celebrazione indetta dalla Cei mira a sensibilizzare alla custodia del creato in quanto parte integrante della nostra fede e vocasione indispensabile di ogni uomo per vivere in pienezza la propria umanità e contribuire alla costruzione di una società più umana e fraterna.

Facciamo tesoro del Messaggio "La famiglia educa alla custodia del creato" e di tutte le indicazioni offerte dall'Ufficio Naz. Cei per i problemi sociali e il lavoro, non solo per il 1° settembre,  ma facendo di tutto il mese  un tempo speciale per ri-accogliere nella contemplazione e nel rendimento di grazie  il dono del creato e metterci in cammino per risponderne oggi assieme a tutti gli uomini e le donne di buona volontà.

Imparare ad abitare la terra secondo la sapienza del Padre sia percorso di conversione e di condivisione.

 

Leggi il Messaggio Cei "La famiglia educa alla custodia del creato"

Per approfondimenti rimandiamo alla relazione di Mons. Angelo Casile (Direttore Unpsl Cei) "Educare alla custodia del creato" su Il Cantico on line agosto 2013 (http://www.coopfratejacopa.it) e al materiale predisposto per la Giornata dall'Ufficio Unpsl (http://www.chiesacattolica.it).

 

Scuola di Pace 14-16 giugno "Etica del dono e custodia del creato".

STILI DI VITA PER UN NUOVO VIVERE INSIEME

"ETICA DEL DONO E CUSTODIA DEL CREATO"

Roma, Casa Frate Jacopa, 14-16 giugno 2013

 

Nel percorso di approfondimento sugli “Stili di vita per un nuovo vivere insieme”, la presente sessione della Scuola di Pace intende mettere a fuoco il nesso tra il mandato del “custodire” e lo sviluppo di un’etica capace di orientare alla logica del dono.

Senza rifarci al dato originario della creazione voluta per amore, come potremo uscire dall’atteggiamento distruttivo e di violenza instaurato dall’etica dominante, strumentale e utilitaristica? come potremo passare da una cultura dello scarto ad una cultura della fraternità e della condivisione?

Rispondere della gratuità e del dono interpella la nostra fede e chiama in causa la ricerca di modi e vie per attendere nell’oggi a quel “custodire” che è vocazione fondamentale dell’uomo. “E quando l’uomo – ci ricorda Papa Francesco – viene meno a questa responsabilità di custodire, quando non ci prendiamo cura del creato e dei fratelli, allora trova spazio la distruzione e il cuore inaridisce”.

Illuminati dalla spiritualità evangelica francescana e dalla Dottrina Sociale della Chiesa, ci poniamo in cammino per “riparare”, nella consapevolezza che la conversione dall’“io manipolatore” all’“io custode” riguarda anche noi quotidianamente. E spetta a ciascuno di noi inverare nel quotidiano l’etica del dono perché possa alimentare un nuovo ethos sociale.

 

Relatori: P. Martin Carbajo, Rettore Pontificia Università Antonianum

Mons. Angelo Casile, Direttore Ufficio Naz. Cei per i problemi sociali e il lavoro

 

Leggi il programma

 

Scuola di Pace a Bologna 2° Incontro "Stili di vita per un nuovo umanesimo".

SCUOLA DI PACE A BOLOGNA

"Camminare nella fede. Stili di vita per un nuovo vivere insieme"

 


Scuola di Pace a Bologna 2° Incontro 21 aprile 2013

"Stili di vita per un nuovo umanesimo alla luce della spiritualità francescana"

Rel. P. José Antonio Merino ofm (Pontificia Università Antonianum)

La Fraternità Francescana e Cooperativa Sociale Frate Jacopa assieme alla Parrocchia S:Maria Annunziata di Fossolo e alla Rivista Il Cantico ti aspettano domenica alle ore 15,30

 

Leggi il Programma

 

Scuola di Pace a Bologna. 1° incontro 10 marzo "Quali stili di vita per il farsi della pace?"

SCUOLA DI PACE A BOLOGNA

"Camminare nella fede. Stili di vita per un nuovo vivere insieme"

 


La Fraternità Francescana e Cooperativa Sociale Frate Jacopa assieme alla Parrocchia S. Maria Annunziata di Fossolo

aprono la prima sessione della Scuola di Pace 2013 con due interessanti appuntamenti:

10 marzo 2013 "Quali stili di vita per il farsi della pace?" Rel. P. Lorenzo Di Giuseppe (docente di teologia morale)

21 aprile 2013 "Stili di vita per un nuovo umanesimo alla luce della spiritualità francescana" Rel. P. José Antonio Merino (docente di filosofia).

 

Leggi il Programma

 

"Tutelare lavoro e diritti della persona" Iintervista a Riccardo Moro a conclusione della Scuola di Pace.

SCUOLA DI PACE

"Tutelare lavoro e diritti della persona"

Intervista di Radio Vaticana a Riccardo Moro a conclusione della Scuola di Pace.

Si conclude oggi a Roma, la "Scuola di Pace" promossa a Roma dalla Fraternità Francescana Frate Jacopa, incentrata sul Messaggio di Benedetto XVI per la Giornata Mondiale della Pace del 2013. All’evento, ha preso parte anche l’economista dell’Università Statale di Milano, Riccardo Moro, che al microfono di Alessandro Gisotti si sofferma sulla sintesi tra sviluppo sociale e la pace, sottolineata dal documento del Papaper la pace.
Ascolta in diversi formati l'intervista Formato RM altrimenti Formato MP3
 
Altri articoli...